Cose da fare: andare a vedere “Ti lascio perchè ho finito l’ossitocina” (teatro).

ImmagineAndare a vedere uno spettacolo quasi sotto casa in un luogo bello e suggestivo; pagare poco per ridere a crepapelle ascoltando, per quasi un’ora, un monologo ben costruito ed intelligente.

Quando tutte queste cose succedono in una volta sola ed inaspettatamente la sensazione che si prova, vi assicuro, è assai piacevole.

E ieri sera mi è successo. Quasi per caso mi son trovato ad assistere allo spettacolo teatrale “Ti lascio perchè ho finito l’ossitocina” di Giulia Pont, in cartellone al Torino Fringe Festival.

Non posso esimermi dal consigliarlo caldamente – bisogna affrettarsi, sarà replicato solamente fino a domenica 12 maggio 2013 – e scriverci su due righe.

La trama, semplice, chiara sin dalle prime battute e di woodyalleniana memoria, è costruita sull’idea che il teatro ha una evidente funzione terapeuticaper chi lo fa e per chi lo osserva. Il monologo porta tale concetto all’estremo e lo spettacolo diventa una vera e propria seduta di psicoterapia. La protagonista è la paziente. Ed i terapeuti? Il pubblico, ovviamente.

Si parla di un amore finito e di nevrosi, di quelle che ci fanno sorridere perchè comuni e condivise. Ridere delle sventure e delle ossessioni della protagonista è in fondo ridere delle nostre stesse paure e delle emozioni che l’essere umano non è ancora, per fortuna, riuscito a controllare.

Molto evocativo è il luogo scelto per la rappresentazione: il cimitero di San Pietro in Vincoli a Torino dove, tra la fine del ‘700 e metà ‘800, venivano seppelliti i non battezzati, i morti suicidi ed i giustiziati per impiccagione. Quelle persone, insomma, che la società del tempo non aveva trovato il modo di accogliere ed ascoltare.

Di seguito i link per lo spettacolo e per il festival:

https://www.facebook.com/events/238230232968748/

http://www.tofringe.it/giulia-pont-ti-lascio-perche-ho-finito-lossitocina/

http://www.tofringe.it/

Questa voce è stata pubblicata in EVENTI e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...